Energie rinnovabili

Energia

Escursioni Energia

tl_files/files/2016/parcoeolico.jpg

Parco eolico di Poggi Alti di Scansano

Percorso energia
Parco Eolico di Poggi Alti di Scansano
Costituito da 10 aerogeneratori da 2MW ciascuno, è attivo da Gennaio 2007. La produzione annua è stimata intorno ai 40 Gwh/annuo, quindi è capace di soddisfare il fabbisogno di circa 40-45 mila persone, utilizzando il vento come energia propulsiva. Le produzioni di CO2 evitate grazie a questa produzione energetica sono di 38.000 tonnellate annue. È possibile effettuare un percorso a piedi lungo 1Km circa, che si snoda ai piedi degli areogeneratori i quali arrivano a toccare un'altezza di circa 107 metri.
Parco Solare Fotovoltaico “Il Cicalino” di Sticciano
Un parco fotovoltaico con 137 “girasoli” che orientano verso il sole altrettanti telai di supporto per moduli fotovoltaici disposti su 5 ettari di terreno gestito dagli Usi Civici di Sticciano. La potenza elettrica che l'impianto è in grado di erogare e pari a 1MW con una produzione annua di 1,6 milioni di kwh, che significa coprire il fabbisogno energetico di circa 500 famiglie. Il risparmio calcolato in tonnellate di petrolio e di 312 annuo con un abbattimento di anidride carbonica pari a 950 tonnellate annue.
Centrale Geotermica della Biancane di Monterotondo M.mo
Il termine geotermia deriva dal greco e significa “Calore della terra”. Questo calore, sotto forma di liquido, è presente sotto la crosta terrestre ed in questa zona si trova a profondità tali che permettono il suo sfruttamento. Il vapore può arrivare in superficie attraverso fenditure naturali o in seguito a perforazioni. Dai pozzi di estrazione arriva nella centrale geotermica dove lo si utilizza in macchine termiche, che trascinano in rotazione le macchine elettriche producendo così energia. Il Parco delle Biancane è una zona molto suggestiva attorno al borgo di Monterotondo. Un tragitto a doppio anello lungo circa 3 km con una durata media della percorrenza che si aggira intorno alle 2 ore di cammino tra fumarole, putizze e manifestazioni naturali. La cartellonistica si propone sia di trasmettere le conoscenze relative all’estrazione dell’acido borico iniziata a Monterotondo nel 1812, sia di fornire i concetti base sul fenomeno geotermia e le sue applicazioni più’ significative quali energia elettrica e teleriscaldamento riprodotti a tal proposito da schemi funzionali inseriti sulla pannellistica.
La Casa del Sole di Grosseto
Efficienza e risparmio energetico, utilizzazione di materiali ecologici, utilizzo delle fonti rinnovabili sono stati gli obiettivi nella realizzazione dell’opera. La progettazione del complesso abitativo ha tenuto conto non soltanto dell’orientamento ottimale per armonizzarlo alle geometrie solari, ma anche del materiale edile adoperato, che doveva avere spiccate caratteristiche bioclimatiche: l’utilizzazione di blocchi di legno-cemento, con elevato isolamento termo-acustico ed antisismico, di componente totalmente ecologica, ha consentito la realizzazione di fabbricati che produrranno una certificazione energetica in classe “A” corrispondente ad un fabbisogno termico inferiore a 30 kWh/mq annui (edifici tradizionali 200 kWh/mq); gli infissi saranno concepiti con elevate caratteristiche termoisolanti. La garanzia del massimo comfort abitativo della struttura verrà assicurato: da pannelli solari termici per la produzione di acqua calda ad uso sanitario e da un impianto geotermico a bassa entalpia, per alimentare una apparecchiatura radiante a bassa temperatura a pavimento che, con le opportune tecniche, verrà sfruttato anche per la climatizzazione estiva. La produzione dell’energia elettrica necessaria al fabbisogno del complesso abitativo avverrà attraverso un impianto fotovoltaico di adeguata estensione e potenza. Particolare attenzione verrà indirizzata al contenimento del fabbisogno idrico:il sistema idrico-sanitario verrà infatti alimentato non soltanto con il tradizionale allacciamento all’acquedotto ma, per quel che riguarda i servizi igienici e l’irrigazione del giardino verrà impiegata l’acqua piovana che, opportunamente raccolta dai tetti in una cisterna di accumulo interrata, verrà filtrata ed immessa nelle rispettive condotte utilizzando una pompa elettrica collegata ad un mini-impianto eolico di adeguata potenza. Infine l’ottimizzazione dei consumi ed il monitoraggio degli impianti verrà governato informaticamente sfruttando le più moderne apparecchiature demotiche.
Eolico nell'agriturismo “Il Duchesco”
L'Agriturismo IL DUCHESCO si trova ad Alberese (Gr) nello splendido scenario del parco naturale della Maremma.Già da tempo la Fattoria ha intrapreso un percorso, sia nella lavorazione dei prodotti sia nella ricettività turistica, rivolto ad una progressiva riduzione dell'impatto ambientale delle attività economiche esercitate.Tra le molte azioni intraprese per la promozione dello sviluppo sostenibile è stato recentemente realizzato (mese di giugno 2006), grazie anche ad un contributo della Regione Toscana, un impianto di mini-eolico, consistente nell'installazione di due gruppi, di 12 metri di altezza, per una potenza totale di kW 40. Inoltre sono stati installati un impianto a pannelli solare termici atto al riscaldamento dell'acqua per l'utilizzo dei clienti ed un impianto a pannelli fotovoltaici.

Costituito da 10 aerogeneratori da 2MW ciascuno, è attivo da Gennaio 2007. La produzione annua è stimata intorno ai 40 Gwh/annuo, quindi è capace di soddisfare il fabbisogno di circa 40-45 mila persone, utilizzando il vento come energia propulsiva. Le produzioni di CO2 evitate grazie a questa produzione energetica sono di 38.000 tonnellate annue. È possibile effettuare un percorso a piedi lungo 1Km circa, che si snoda ai piedi degli areogeneratori i quali arrivano a toccare un'altezza di circa 107 metri.

tl_files/files/2016/sticciano.jpg

Parco solare fotovoltaico "Il Cicalino" di Sticciano

Un parco fotovoltaico con 137 “girasoli” che orientano verso il sole altrettanti telai di supporto per moduli fotovoltaici disposti su 5 ettari di terreno gestito dagli Usi Civici di Sticciano. La potenza elettrica che l'impianto è in grado di erogare e pari a 1MW con una produzione annua di 1,6 milioni di kwh, che significa coprire il fabbisogno energetico di circa 500 famiglie. Il risparmio calcolato in tonnellate di petrolio e di 312 annuo con un abbattimento di anidride carbonica pari a 950 tonnellate annue.


tl_files/files/2016/monterotondo.jpg

MIBIA - Parco delle Biancane e Centrale geotermica della Biancane di Monterotondo M.mo

Il termine geotermia deriva dal greco e significa “Calore della terra”. Questo calore, sotto forma di liquido, è presente sotto la crosta terrestre ed in questa zona si trova a profondità tali che permettono il suo sfruttamento. Il vapore può arrivare in superficie attraverso fenditure naturali o in seguito a perforazioni. Dai pozzi di estrazione arriva nella centrale geotermica dove lo si utilizza in macchine termiche, che trascinano in rotazione le macchine elettriche producendo così energia. Il percorso proposto inizia con una visita guidata al MUBIA - Geomuseo delle Biancane per poi addentrarci nel Parco delle Biancane. Questo è una zona molto suggestiva attorno al borgo di Monterotondo. Un tragitto a doppio anello lungo circa 3 km con una durata media della percorrenza che si aggira intorno alle 2 ore di cammino tra fumarole, putizze e manifestazioni naturali. La cartellonistica si propone sia di trasmettere le conoscenze relative all’estrazione dell’acido borico iniziata a Monterotondo nel 1812, sia di fornire i concetti base sul fenomeno geotermia e le sue applicazioni più’ significative quali energia elettrica e teleriscaldamento riprodotti a tal proposito da schemi funzionali inseriti sulla pannellistica. Durante l'escursione sarà inoltre possibile osservare dall'esterno la centrale geotermica di S. Martino.

 

 

L'Azienda Agricola "Le Rogaie" e impianto di produzione di Biogas

Il terreno agricolo dell'azienda, di conduzione biologica, è destinato alla produzione  è produce alla produzione di foraggi per l'alimentazione del proprio bestiame, allevato per la produzione di latte e di carne di qualità. L'azienda de "Le Rogaie" è un ottimo esempio di economia circolare, infatti attraverso il materiale di scvarto del proprio bestiame viene prodotta energia sotto forma di biogas. Durante la giornata sarà possibile visitare l'azienda e il loro impiant di formazione di biogas.

 

Percorsi agroalimentari

tl_files/files/2016/morellino.jpg

Azienda agricola biologica Villa Patrizia

Prodotti: vino, olio, marmellate, possibilità di imbottigliamento miele.

Superfici: 14 ha vitati (4 nella DOCG Morellino di Scansano, 10 nella DOC Montecucco); 2 ha di oliveto; 7 ha ca. di bosco e seminativo.
L'azienda è biologica con certificazione ICEA e attualmente è nel periodo di conversione che per le colture da frutto dura 3 anni (a partire dal dicembre 2007). Possibilità di visite guidate ai vigneti, in cantina, imbottigliamento e degustazioni di vino e olio con possibilità di acquisto.

Produzioni: 20000 bott. di Morellino DOCG, 20000 di Montecucco DOC (30000 in divenire, quando tutti gli ettari entreranno in produzione), 10000 di IGT bianco maremma toscana. Vendita di vino sfuso IGT rosso e bianco. Olio in base all'annata, ca. 5 q/anno.L'azienda installerà a breve un impianto fotovoltaico sul tetto, per soddisfare parte del fabbisogno energetico dell'azienda stessa.