A Grosseto la scuola media “D. Alighieri” ricorda l’alluvione

7/11/2017 a cura di Il Girasole

commemorazione alluvione 1966

Il 4 novembre 1966 il fiume Ombrone rompe gli argini e la città di Grosseto si allaga.
È una catastrofe: l’acqua si alza di 4 metri e lascia un segno indelebile nella memoria. In campagna si conta anche una vittima: il buttero Santi Quadalti, che viene travolto dalla piena mentre cerca di mettere in salvo le proprie mandrie.
Nonostante tutto, le persone non si perdono d’animo e si impegnano per ripulire ogni zona colpita dal cataclisma.
Alla fine Grosseto riemerge e, vicino Porta Vecchia sulle Mura della Cavallerizza, si aggiunge una lapide in ricordo delle piene dell’Ombrone. Quattro targhe in totale, che segnano il livello raggiunto dall’acqua nel 1758, nel 1864, nel 1944 e nel 1966.

Per non dimenticare, durante questa settimana (dal 6 al 10 novembre), ci ritroviamo davanti alle lapidi insieme alle classi della scuola media “Dante Alighieri” di Grosseto.

Un momento importante a cui dovrebbe essere dedicato un luogo altrettanto importante, ma che per il momento rimane un parcheggio auto.     

Torna indietro